Pubblicato il: 5 Febbraio 2017

Donadoni e Massaro al fianco di Save the Dogs per Impronte di Gioia

Roberto Donadoni e Daniele Massaro  sostengono i nostri amici animali e la Campagna “Impronte di Gioia” lanciata dall’Organizzazione non profit Save the Dogs and other Animals. L’obiettivo della campagna è quello di realizzare una clinica veterinaria all’avanguardia che garantirà un’assistenza di qualità a circa 2.000 animali all’anno in Romania e salverà così migliaia di cani e gatti che non avrebbero altrimenti nessuna chance di sopravvivere. L’associazione italiana, fondata nel 2005 dall’ex pubblicitaria Sara Turetta per la cura e la tutela degli animali, arricchisce così la sua “formazione” di personaggi noti che la sostengono con due grandi campioni del calcio, che si vanno a schierare accanto alle attrici Veronica Pivetti, Rosita Celentano, Daniela Poggi, i comici Ale e Franz e il noto zooantropologo Angelo Vaira che hanno già aderito all’iniziativa.

La realizzazione della clinica veterinaria è un grande progetto che si svilupperà su un’area di oltre 7 ettari – che già comprende un moderno rifugio per cani, un santuario per asini e cavalli e un gattile – di circa 750 mq di cui oltre 120 mq di box esterni per il ricovero di cani e gatti, 400 mq dedicati alle degenze degli animali, con 43 stanze individuali, 240 mq per la clinica veterinaria che avrà a disposizione anche una zona quarantena per gli animali da visitare e vaccinare che poi andranno in adozione. A disposizione degli animali ricoverati anche un reparto per gli infettivi ed una sala per le radiografie e le ecografie.

“Conosco il lavoro di Save the Dogs da diversi anni e ho visto l’impegno con il quale operano Sara e le altre ragazze del team. – spiega Roberto Donadoni, ex calciatore e ora allenatore del Bologna – Un lavoro importantissimo per cercare di contrastare un’emergenza che coinvolge migliaia di cani randagi in Romania che altrimenti verrebbero uccisi con crudeltà ogni anno dalle autorità. Ho deciso di aderire alla campagna “Impronte di Gioia” con un video appello che diffonderemo insieme perché credo che una partita così difficile si possa vincere solo grazie ad un ottimo gioco di squadra”.

In Romania la presenza dei cani randagi, infatti, è fuori controllo e, 15 anni fa, il Governo, per contrastare questo fenomeno, ha iniziato uno sterminio che prosegue senza sosta al ritmo di 30 mila cani all’anno nella sola Bucarest. “La nostra associazione nasce – spiega Sara Turetta, Presidente di Save the Dogs premiata nel 2012 dall’allora Presidente Napolitano – per dare una risposta alla tragica emergenza che coinvolge i cani randagi in Romania. Ad oggi abbiamo raccolto il 68% dei fondi necessari per la realizzazione della clinica veterinaria. E’ un risultato importante, ma chiediamo ancora un piccolo aiuto a tutti per aiutarci a dare vita a questo nostro importante progetto”.

Save the Dogs – dopo anni di impegno sul territorio con un progetto che investe 800 mila euro all’anno in attività di prevenzione e lotta al randagismo – mira ad un approccio integrato per la risoluzione del problema: un approccio che parta dall’identificazione e registrazione degli animali con padrone, all’adozione nazionale ed internazionale dei cani abbandonati, passando per piani educativi nelle scuole, fino ad arrivare ad un’importante attività di lobby, sia a livello europeo che nazionale, al fine di ottenere una legislazione che tuteli gli animali e controlli in modo efficace ed etico la sovrappopolazione canina e felina.

Per sostenere il progetto di Save the Dogs e scoprire tutte le modalità di donazione basta visitare il sito della campagna lanuovaclinica.savethedogs.eu. Per seguire la campagna sui social network è stato creato l’hashtag ufficiale #ISaveTheDogs.

Lascia un commento

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com