Voltumna: un tripudio di Etrurian Metal

0
6

[oblo_image id=”1″] Parliamo con i Voltumna, una promettente Etrurian Black Metal band di Viterbo, fanno parte di questo progetto, il cantante Simone Scocchera ,il chitarrista Michele Valentini,l’ altro chitarrista Leonardo Farruggia, il bassista Manuel Bannella e il batterista Bruno Forzini .

Risponde alle domande il chitarrista Michele.

Come e quando nascono i VOLTUMNA? I VOLTUMNA nascono nel settembre del 2009 con l’entrata nella band del vocalist Simone Scocchera e del batterista Bruno Forzini, subito apprezzato dalla band per le sue doti tecniche sviluppate anche grazie a lezioni private, con David Folchitto( Stormlord, Kaledon) e GEORGE KOLLIAS (Nile). Nascono innanzitutto per la voglia sfrenata di fare Metal di un gruppo di giovani ragazzi e di riportare alla luce un popolo lasciato in disparte : gli ETRUSCHI!!!!!

Cosa significa il vostro moniker e come vi rappresenta? Voltumna è la divinità del cambiamento e dell’evoluzione, e per quanto ci riguarda il nostro sound è in cerca di nuovi sbocchi sempre più originali; inoltre Voltumna è la divinità di maggior spicco nella cultura etrusca perciò chi meglio di lei poteva rappresentarci??

Vi definite Etrurian Metal, perché? Non ci definiamo letteralmente Etrurian Metal come se fosse un genere a parte ma abbiamo scelto questa definizione perchè non ci sentiamo parte di un unico genere come per quanto riguarda la scena Death oppure Black ecc.. ma cerchiamo di abbracciare tutti i sottogeneri del metal, anche i testi fanno la loro parte e gli etruschi sono il tema di fondo delle lirycs.

Parlatemi del vostro sound, e in che modo si è evoluto dai vostri esordi ad oggi? Il nostro sound si è evoluto notevolmente dai nostri esordi, prima era solo uno scarno e privo di idee Heavy metal, ma che poi ha fatto una netta virata su un Death/Black originale e a tratti Progressive.

Chi di voi si occupa dell’ ideazione dei testi, e quali tematiche trattano? Dei testi si occupa il nostro cantante Simone Scocchera con l’aiuto di una nostra fan Caterina Malfe. Come base trattano naturalmente della mitologia, come si può notare in Chimera, e della storia etrusca, ma poi nel loro sviluppo cerchiamo sempre un riscontro moderno sui problemi che affliggono l’uomo.

Nel 2010 esce il primo vostro singolo intitolato Black Hole, parlate di questo vostro lavoro d’ esordio. E’ stato divertente e costruttivo avere un primo approccio con la sala di registrazione; eravamo ancora agli inizi e con poca esperienza, però il risultato è stato buono e Black Hole ha avuto ottimi riscontri soprattutto per la parte live.

Nello stesso anno un ulteriore cambio di line-up vi attende, e l’ entrata del nuovo chitarrista apporta novità riguardo al vostro sound, quali? L’entrata di Leonardo Farruggia ci ha aiutato molto per quanto riguarda la parte solistica dei nostri brani essendo dotato di buona tecnica e una dose estrema di velocità!!

Per quanto riguarda l’ attività live, qual’ è stata la vostra collaborazione piu’ importante? Siamo molto giovani e di live ne abbiamo fatti abbastanza, ma solo adesso dopo l’uscita dell’Ep stiamo cercando collaborazioni importanti ad esempio con band del calibro di ‘Handfull of Hate’, ‘Hour Of Penance’ e ‘Stormlord’.

Nell’Aprile 2011 esce il vostro primo EP intitolato Chimera, il quale vanta di collaborazioni importanti, potete presentarlo? Chimera è soltanto l’inizio di un grande viaggio nel passato verso verità che ci sono state celate e che proseguirà anche nei prossimi album; noi lo consideriamo un ottimo biglietto da visita come primo lavoro della band e speriamo che prima o poi qualche etichetta se ne accorga! Comunque vi consigliamo l’ascolto, avrete un assaggio su myspace e youtube http://www.youtube.com/user/VoltumnaMetal?blend=4&ob=5.

A quale delle vostre song siete più legati e perchè? Ognuna ha un significato specifico per noi ,essendo state le prime song composte dalla band, ma Necropolis è quella a cui siamo più legati e la riteniamo fino ad oggi il nostro miglior lavoro sia per originalità sia per tecnica.

Un vostro parere sullo scenario Black Death Metal italiano attuale? Lo scenario di questo genere diciamo che non è molto presente in Italia e cercheremo anche noi di dargli una spinta per risollevarlo; nonostante ciò ci piacciono molte band Black italiane e nutriamo profondo rispetto per loro, ‘Stormlord’, ‘Malfeitor’, ‘Forgotten Tomb’.

Quali sono le vostre icone musicali? Su tutte ‘Septic Flesh’ e ‘Behemoth’, e anche ‘Gojira’, ‘Stormlord’ e ‘Nile’, poi come detto in precedenza ascoltiamo di tutto.

Dove si potranno vedere i Voltumna live ,prossimamente? Il 3 Settembre suoniamo al festival metal di Sutri(VT) , il 24 a Faenza per il ‘Supersound’ e per l’inverno stiamo organizzando altre serate e qualunque locale fosse interessato basta che ci contatti!!

Progetti e collaborazioni future?Stiamo progettando nuove song per il prossimo Full-Lenght e inoltre stiamo cercando etichette che ce lo producano, per le collaborazioni sicuramente porteremo una special guest nell’album, e speriamo in live con band di alto calibro!!

Un saluto a tutti i Metalheads che ci seguono e un invito a tutti coloro che non ci conoscono a venirci a trovare su Facebook http://www.facebook.com/pages/Voltumna/224514595670 e Myspacehttp://www.myspace.com/Voltumna1.

Voltumnia, il nome già dice tanto sulla personalità di questa band, che si rifà agli Etruschi ,una civiltà simbolo, dallo spiccato istinto guerriero e che ha avuto la capacità di distinguersi, come il suono che si può ritrovare nell’ EP ‘Chimera’ ,il quale inizia con una particolare intro intitolata ‘Rebuild The Past’, che ha la funzione di introdurre l’ ascoltatore nella dimensione musicale Voltumna, nel brano ‘Necropolis’, si percepisce quel tocco di innovazione, che li fa differenziare e che ha subito attirato la mia attenzione, nella quale il basso trova il suo spazio per irrompere tra le note, ‘Tearless’ una song dura, d’ impatto, ma che mantiene un fondo melodico, che rende il brano decisamente orecchiabile e piacevole, giusti stacchi e ben definiti che donano un ritmo particolare, e arriviamo all’ ultima ‘Volsinii ‘ che porta il nome della grande città Etrusca, l’ esordio di questa canzone si attiene allo stile della intro iniziale, con cori e prettamente a tema, la song, trasmette la tutta la potenza targata Voltumna, una chitarra e una batteria che si fanno strada nella parte iniziale, fino ad arrivare al culmine , dove anche qui il basso puo’ esprimersi al meglio, una voce che si incastona perfettamente nel genere.

Un ottimo biglietto da visita, i Voltumna sapranno sicuramente offrire un ottimo contributo al Metal italiano, restiamo in attesa del full-lenght dove sicuramente sapranno esprimere al meglio e dare maggiormente spazio alla loro particolare personalità

 

 

[oblo_image id=”2″] PER ASCOLTARE I VOLTUMNA :

 

 

 

 

– YOUTUBE:http://www.youtube.com/user/VoltumnaMetal?blend=4&ob=5