Val Gardena Gourmet: il grande gusto nel paradiso della neve

0
4

[oblo_image id=”1″] La Val Gardena, con l’inverno ormai alle porte, non sarà
solo il posto ideale per sciare e divertirsi sulla neve ma anche per gustare la cucina ladina con
le interpretazioni raffinate di alcuni chef.
Per aiutare a scegliere i migliori ristoranti e le baite più “gustose”, da quest’anno è
disponibile una guida gastronomica della valle, dal tipico nome Bon y Bel, con ricette per ogni
struttura citata – http://www.valgardena.it/it/bonybel/
Segnaliamo, ora, alcune strutture che si sono distinte per la creatività e la capacità dei
propri cuochi e chef.
Il noto Ristorante Anna Stuben dell’Hotel Gardena a Ortisei, lo chef Reimund Brunner col
suo collaudato team è in grado di proporre veri e propri capolavori del gusto. Reimund ha
imparato la professione dagli chef più apprezzati dell’Alto Agide, della Svizzera e della
Germania e ha maturato la convinzione che alla base di un’ottima cucina sia necessaria la
ricerca di antiche materie prime. Oggi, Reimund utilizza ingredienti come la farina di pere
per la preparazione di primi piatti e dessert e ripete spesso “non una cucina stravagante, ma
piatti con pochi ingredienti di altissima qualità”.
A Ortisei, Rudi Pescosta, chef del Concordia, gestisce il ristorante che appartiene alla sua
famiglia da oltre 30 anni. Nelle accoglienti “Stuben” tirolesi si respira l’atmosfera calda della
tradizionale ospitalità gardenese e si gustano piatti preparati con cura e con prodotti
naturali, rigorosamente freschi, come la pasta fresca fatta in casa o i piatti di selvaggina.
Anche il pane segue antiche ricette ed è preparato ogni giorno in casa. www.concordia.it
Sempre a Ortisei, Haymo Demetz segue il ristorante Tubladel, locale molto apprezzato per
chi ama la tradizione e i piatti preparati seguendo antiche ricette. L’ambiente accogliente e
rustico favorisce il piacere di assaggiare piatti tradizionali e alta gastronomia, un vero
connubio fra aromi e sapori antichi, accompagnati da selezionati ottimi vini. www.tubladel.it
Una novità per il prossimo inverno sarà l’inaugurazione ufficiale del ristorante dello
Smarthotel Saslong: Blue Restaurant. A Santa Cristina, infatti, il giovane chef Norbert
Dejaco vuole creare un punto d’incontro per chi apprezza le specialità locali riviste in chiave
moderna. Aperto tutto l’anno il ristorante, di proprietà di Ezio Prinoth, sarà anche teatro di
creativi corsi di cucina, seguiti dallo stesso chef. www.smarthotel.eu
Passando a Selva, anche qui non mancano i ristoranti degni di menzione.
Il ristorante Gourmet Nives si trova nel centro di Selva e nella sua romantica “Stuben” del
1859, si respira un’atmosfera speciale e si può partire per un viaggio culinario di altissimo
livello, curato dallo chef Emanuele Mazzella. www.hotel-nives.com
Al Ristorante Gourmet Alpenroyal, invece, Felice Lo Basso, 1 stella Michelin, è
instancabilmente alla ricerca di nuovi piatti a base di prodotti provenienti da tutto il mondo,
per creare un’armonia fra la cucina mediterranea e quella alpina. www.alpenroyal.com
Ancora due consigli per Selva di Val Gardena: Villa Frainela e la Baita L’Muline.
Per i dolci, tappa imperdibile la pasticceria Villa Frainela di Daniela Comploj, all’ingresso
della bellissima Vallunga, parco naturale e patrimonio UNESCO. Facilmente raggiungibile
anche con gli sci ai piedi, a Villa Frainela si possono mangiare solo dolci fatti in casa con
prodotti locali, in un’ambiente dove si rivive la vecchia Val Gardena. www.villafrainela.it
La baita L’Muline a Selva, gestita da Heidi Delazer propone una cucina tradizionale come il
risotto al cirmolo, i ravioli di patate e papavero, la pasta fatta in casa, il ragù di selvaggina e
funghi e, fiore all’occhiello, il “Kaiserschmarren”, frittata dolce a base di uova, e il
“Herrengröstl”, con verdure o carne di manzo e patate.
http://www.l-muline.com/index_it.php?lang=it
Per chi ama la cucina “sci ai piedi”, non mancano le opportunità.
Il Rifugio Emilio Comici, a 2150 metri, direttamente sul mitico “Sellaronda”, è famoso per le
specialità di pesce fresco, grigliate, tortelli all’astice, spiedini e zuppe di pesce. Inoltre, sono
qui organizzate cene a tema “special nights”, seguite da una discesa notturna con gli sci.
http://www.rifugiocomici.com/it/rifugio-comici-val-gardena/1-0.html
La Baita Daniel, sul Monte Seceda a 2230 metri, è un locale tipico per specialità come i
canederli, con spinaci, con formaggio o erbette, rotondi con funghi, speck o grano saraceno e
dessert, come quello alla ricotta, ripieno di cioccolato o patate e prugne, fragole o
albicocche. http://www.seceda.cc/ita/index.html
La Baita Curona sulla pista la Longia, che dal Seceda conduce verso Ortisei con una vista
spettacolare sull’Alpe di Siusi e lo Sciliar. Qui si gustano specialità di carne alla griglia del
maso, speck e salsicce di produzione propria. Da provare i Krapfen con marmellata di
castagne o papavero e il delizioso “Kaiserschmarren” caramellato. www.curona.it
La Baita Saslonch si trova, invece, all’imbocco della pista “3” che dal Ciampinoi porta a Selva.
In stile tirolese e con terrazza panoramica, offre zuppe tradizionali di ogni genere e piatti di
selvaggina. Per finire, i canederli di lievito di birra e la marmellata di mirtilli rossi.
www.saslonch.com
La Baita Vallongia è sulla pista “5”, che dal Ciampinoi porta alla ski area Plan de Gralba e
verso il Sellaronda. Qui un assoluto must sono le salsicce bianche bavaresi con senape dolce e
il tradizionale “brezen”. Ogni giorno, dalle ore 15.00, omelette di cioccolato.
www.baita-vallongia.com
La caratteristica Baita Ciampac è fatta interamente di tronchi di legno e si trova all’imbocco
della Vallunga. Raggiungibile a piedi da Selva o con gli sci dal Dantercepies. Nei pressi della
baita si trova anche il centro fondo con 3 anelli, di cui uno lungo 12 km che porta all’interno
del parco naturale Puez-Odle. Numerosi i piatti tradizionali “nella carta”, senza paragoni il
“Kaiserschmarren” con diverse marmellate. www.baitaciampac.com
Infine, vini selezionati e champagne, a 2400 metri, presso la baita Sofie, sempre sul Monte
Seceda. La cantina, regno di Markus Prinoth, offre una vastissima selezione di vini e
specialmente di champagne. Molte le etichette altoatesine presenti come l’Arunda rosé,
spumante prodotto nella cantina “Reiterer” di