lunedì, Gennaio 18, 2021
Home Cultura Arte Tematiche femminili nell’arte e nella musica alla Pinacoteca di Bari

Tematiche femminili nell’arte e nella musica alla Pinacoteca di Bari

[oblo_image id=”1″]Inizia presso la Pinacoteca Provinciale “Corrado Giaquinto di Bari, al Lungomare Nazario Sauro, 27  (IV piano), alle ore 10:45 di domenica 20 febbraio 2011, il ciclo “Arte e Musica” 2011, promosso dall’Assessorato ai Beni e Alle Attività Culturali della Provincia di Bari e giunto quest’anno alla XII edizione. Tema scelto: Tematiche femminili nell’arte e nella musica, ideato da Clara Gelao che si è avvalsa ancora una volta della preziosa consulenza musicale di Rino Marrone. In omaggio alla formula sperimentata con successo negli anni precedenti, viene riproposto l’abbinamento di una breve conversazione su un argomento storico-artistico all’esecuzione di brani musicali, ruotanti entrambi intorno alle stesse tematiche.
E in questo primo appuntamento la conversazione di Clara Gelao è dedicata a Servette, finte servette e lo strano caso di Antonio Mancini. La presenza, all’interno della mostra, dello splendido dipinto di Antonio Mancini raffigurante La servetta, ha suggerito di approfondire questo tema, presente ab antiquo nella pittura religiosa ma affrancatosi da questa e divenuto tema “laico” ed autonomo a cominciare dalla pittura fiamminga “borghese” del Sei-Settecento. L’attenzione si sposterà poi sui diversi dipinti dedicati a questo tema da Mancini, che nel decennio 1880-1890 ne realizzò una vera e propria serie sparsa in musei europei, tra cui la stessa Pinacoteca Provinciale di Bari, ed extraeuropei. Seguirà l’esecuzione della Serva padrona il noto intermezzo buffo di Giambattista Pergolesi, risalente al 1733, da parte del soprano Damiana Mizzi e del basso Angelo De Leonardis, accompagnati dal clavicembalista Michele Visaggi e dai Solisti del Collegium Musicum. .

Il ciclo “Arte e Musica”, costituito come di consueto da quattro incontri domenicali a cadenza mensile, proseguirà, sempre con inizio alle 10:45, il 20 marzo, il 10 aprile e il 15 maggio 2011. L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti.

Most Popular

Recent Comments