Rowing Cup e Italia 150: Torino regina del canottaggio

0
5

[oblo_image id=”1″] Il 15 maggio il canottaggio italiano si raduna a Torino per festeggiare i 150 anni dell’Unità d’Italia con il “Trofeo Italia 150” e la “Torino Rowing Cup”,manifestazione sportiva organizzata da FIC (Comitato Regionale Piemonte) e dalla Società Canottieri Esperia – Torino, nell’ambito di Esperienza Italia. La regata vedrà sfidarsi imbarcazioni da otto atleti più il timoniere sulla distanza di 500 metri, nel tratto di fiume compreso tra il ponte Umberto I di Corso Vittorio Emanuele II e il ponte Vittorio Emanuele I di Piazza Vittorio Veneto, percorso ideale affinché appassionati e curiosi si possano godere lo spettacolo dalle rive dei vicini Murazzi. Il Trofeo Italia 150 è riservato agli atleti invitati dal Comitato Regionale Piemonte che formeranno i dodici equipaggi d’eccezione dai nomi evocativi che ripercorrono la storia della nascita del nostro paese: Torino Capitale, Firenze Capitale, Roma Capitale, Spedizione 1000 – Napoli, Spedizione 1000 – Palermo, Milano Libera, Risorgimento Sabaudo, Risorgimento Lombardo – Veneto, Stati preunitari 1, Stati preunitari 2, Corazzieri d’Italia e Italia Unita. La Torino Rowing Cup, regata promozionale otto open, vedrà invece sfidarsi sulle acque del fiume 32 equipaggi maschili e 16 equipaggi femminili. Uno spettacolo d’eccezione aperto a tutti – dichiara Roberto Romanini – responsabile tecnico della sezione canottaggio dell’Esperia – Torino e tre volte campione del mondo – L’emozione di vedereuna barca da otto che gareggia è impagabile: gli incitamenti del timoniere, il capovoga cuore della barca e l’equipaggio che come un sol uomo ne segue metodicamente il ritmo e gli ordini sono la rappresentazione stessa della squadra e una delle meraviglie del nostro sport. Torino torna a celebrare l’Unità nazionale con una festa del canottaggio, sport che da oltre centocinquant’anni ha accompagnato la storia della città e del paese. Fu proprio Torino, infatti, la culla del canottaggio italiano, da quando un gruppo di gentiluomini importò dall’Inghilterra la moda di remare con le spalle a prua. Il gesto efficace ed elegante subito conquistò un nutrito gruppo di amatori facendo si che proprio sulle rive cittadine del Po nascessero alcune tra le più antiche e gloriose società remiere italiane: la Reale Società Canottieri Cerea (1863), la Società Canottieri Armida (1869), la Società Canottieri Caprera (1883), il Circolo Eridano (1863) e la Società Canottieri Esperia-Torino (1886). Furono proprio queste società a fondare nel 1888 il Rowing Club Italiano, l’attuale Federazione Italiana Canottaggio. L’appuntamento per assistere a questa gara spettacolare e intensa è per il 15 maggio a partire dalle ore 14 con le batterie eliminatorie per proseguire nel pomeriggio con le semi-finali e finali, la gara promozionale Adaptive e la Gara dei Dragon Boat. Dalle 17.30 le premiazioni dei vincitori e la festa alla Canottieri Esperia – Torino concluderanno questa grande giornata dedicata allo sport.