martedì, Gennaio 19, 2021
Home Viaggi Primavera, tempo di escursioni nei dintorni di Merano

Primavera, tempo di escursioni nei dintorni di Merano

[oblo_image id=”1″] Il primo caldo primaverile rappresenta il momento ideale per iniziare a muoversi nella natura, soprattutto in montagna.
Tra le tante proposte del territorio abbiamo selezionato tre percorsi particolari, adatti a tutti, da non perdere.

Escursione al Knottnkino – il cinema all’aperto
Un cinema all’aperto con vista sulle montagne e su un paesaggio sconfinato, dal Tessa al Penegal e fino al Corno Bianco: un paesaggio da cartolina, uno spettacolo fatto di tranquillità e pace.
La stessa scena da 255 milioni di anni, quando la lava sgorgò dalla terra dando vita al Monzoccolo e le piogge di ceneri roventi formarono i dossi arrotondati di color rosso
vino: i “Knottn”, appunto. Uno di questi è il Rotstein, il punto panoramico più suggestivo, vicino a Verano sopra Merano.
Partendo dal grande parcheggio a Verano, si segue la strada forestale nr. 14 e poi a sinistra in direzione Knottnkino (1.465 m).
Sentiero facile da percorrere in circa 1 ora.
www.trekking.suedtirol.info/index.php

Il sentiero Teufelsteinweg in Val Passiria
Sopra il maso dello scudo Steinhaus parte il sentiero “Teufelstein“, il cui nome deriva dal sasso “indiavolato” che si trova proprio in mezzo al tragitto.
Questo masso roccioso, con lo stampo dello zoccolo del diavolo, custodisce in uno scrigno un libro che contiene una leggenda. Lungo tutto il percorso si trovano richiami
al mondo delle leggende e dei miti.
Sentiero facile da percorrere in circa 2,5 ore.
www.valpassiria.it/it/proposte-escursioni/escursionifamiglia/
percorsi-circolari-nella-val-passiria/

Il sentiero Ochsentod (La “morte del bue”)
Parte dalla stazione a valle della seggiovia di Velloi e termina a Castel Torre. Si tratta di una vecchia strada sulla quale transitavano i carri trainati da buoi, le cui ruote, a causa del peso, lasciarono solchi impressi nel lastricato, da cui deriva il nome. Da Castel Torre si prosegue verso la chiesa di San Pietro, la più antica di Merano, quindi verso Castel Tirolo, oppure, si può decidere di scendere fino alla Passeggiata Tappeiner.
Sentiero medio da percorrere in circa 4 ore.
www.sentres.com/it/escursioni/sentiero-ochsentodverso-
s-vigilio
Inoltre, ricordiamo la fittissima rete delle rogge (“Waalwege”), canali che attraversano luoghi incantevoli e incontaminati e che oggi costituiscono i Sentieri
d’Acqua Meranesi.
Si tratta di camminate tranquille che consentono di rilassarsi e di godere pienamente della natura circostante, tra frutteti, chiesette e castelli.
I Sentieri d’Acqua Meranesi compongono una rete di 84 km, sono percorribili anche in un solo giorno o a tappe e in qualsiasi stagione dell’anno, anche se le più consigliate
sono la primavera, l’estate e l’autunno.
www.meranodintorni.com/sentieri-acqua
***
Merano e dintorni
Guardando dall’alto, Merano e i suoi dintorni hanno l’aspetto di una stella, nel cui centro risiede la città di Merano e i cui raggi sono rappresentati dalla Val Venosta, dalla Val Passiria e dalla Val d’Adige. Lungo queste valli si sviluppano meravigliosi borghi e comuni che negli anni hanno fatto del turismo la propria risorsa naturale, approfittando delle particolarità della zona: qui, infatti, la vita di città incontra quella rurale di paese, la flora mediterranea si riunisce con quella alpina e gli stili architettonici si mischiano – un cocktail di contrasti che arricchisce l’offerta turistica dodici
mesi l’anno. Oltre 6000 posti letto disponibili su tutta l’area completano il panorama di questa regione, in grado di soddisfare ogni interesse, garantendo servizi e strutture varie e differenti ma il cui comune denominatore è l’alta qualità e la cura dei particolari in ogni proposta.

Most Popular

Recent Comments