martedì, Gennaio 19, 2021
Home Sport Lippi e l'Italia ai Mondiali. E non si bada alle critiche!

Lippi e l’Italia ai Mondiali. E non si bada alle critiche!

[oblo_image id=”1″] Se ti chiami Italia, qualificarti ai mondiali è doveroso. Se poi sei anche campione in carica, non puoi certo esaltarti per aver vinto un girone con Irlanda, Bulgaria, Cipro, Montenegro e Georgia. Tutto vero, eppure il pareggio di Dublino sembra indicare la rotta per la spedizione che culminerà in Sudafrica. L’Italia non è bella a vedersi, non offre un calcio spumeggiante.  Questa è la sua natura. La nostra nazionale non è mai stata irresistibile per valori assoluti, ma è l’avversaria che tutte vorrebbero evitare quando il risultato conta per davvero. Sa adattarsi alle esigenze dell’incontro, barcolla senza crollare e risorge quando appare spacciata. Riacciufare il 2-2 dopo essere passata in svantaggio per la seconda volta a tre minuti dal termine, denota una forza mentale straordinaria. L’organico non era il migliore della rassegna iridata 2006, non può esserlo certo ora. Ed è proprio per questo che Lippi punta tutto sulla costruzione di un gruppo coeso e compatto. L’esperimento di scimmiottare chi declama fubtal bailado come Brasile o Spagna è fallito misteriosamente nella Confederations Cup. Meglio tornare al vecchio spartito spostando ogni gara sul piano della lotta senza quartiere, calibrando duttilità tattica e mentalità vincente. E’ per questo che Lippi non ha ancora convocato Cassano: non è così cieco da non leggere il talento di Fantantonio, ma non vuole mettere il destino della nazionale campione del mondo nelle mani di un solo giocatore. Non è questione di simpatia o di ruggini ancora vive nello spogliatoio, quanto di gestione di equilibri mentali. Cassano è accentratore per definizione: sta facendo benissimo alla Samp, ma a dispetto delle qualità ha avuto troppe zone d’ombra nei top team come Roma e Real. Più facile che trovino spazio Balotelli o Totti. E non c’è da pensare che il ct venga toccato da sussulti popolari o aggressioni mediatiche. Nessuno come lui sa trasformare la pressione in rabbia positiva. Il clima da trincea gli piace e non si preoccupa di apparire simpatico. Fino a prova contraria, di mestiere fa l’allenatore e non il comico. E vedendo i risultati ottenuti in carriera, forse sarebbe il caso di fidarsi di lui. Magari non sceglierà la rotta apparentemente più tranquilla, ma condurrà come sempre la nave in porto.

Most Popular

Recent Comments