La musica italiana anni ’70 torna a sorridere

0
6

Altre due uscite per la serie The Universal Music Collection dedicate ad Umberto Balsamo e alla musica Ethno Folk italiana, nei negozi rispettivamente il 21 e il 28 di settembre.

[oblo_image id=”1″]Nel cofanetto di Umberto Balsamo vengono, per la prima voltra, ripubblicati su cd, rimasterizzati, i suoi album originali pubblicati negli anni ’70 per la Polydor. Si tratta di album registrati tra Milano e Los Angeles prodotti e arrangiati dal maestro Gian Piero Rerberi da Paul Buckmaster e dallo stesso Balsamo.

Il cofanetto ETHNO FOLK ITALIA – GLI ANNI ’70 è invece un’iniziativa nata per sottolineare l’importanza e la bellezza delle musiche dialettali in Italia e per riscoprire la World Music nostrana come testimonianza di una cultura unica e significativa. Questo cofanetto, un importante documento della musica popolare italiana, propone album usciti negli anni ’70 per la Phonogram.

[oblo_image id=”2″]SARDEGNA – Maria Carta è l’artista che ha fatto scoprire ed apprezzare anche fuori dall’isola una realtà musicale magica. Umbras è un cd che racchiude canzoni della tradizione popolare sarda rielaborate ed interpretate dalla Carta.

CAMPANIA – Eugenio Bennato, Teresa De Sio, Giorgio De Rienzo e molti altri artisti partenopei che, riuniti nei Musicanova, diventano esempio del nuovo corso del Folk partenopeo.

SICILIA – Mimmo Mollica con questo album, mai pubblicato su CD e prodotto da Niko Papathanassiou, ripropone il risultato delle sue ricerche sui canti popolari del risorgimento siciliano.

PIEMONTE – Gipo Farassino , cantautore e politico della periferia torinese grande sostenitore della lingua e della tradizione piemontese.

EMILIA ROMAGNA – Scomparso recentemente a Bologna, Dino Sarti ha rappresentato per anni la cultura Emiliana non solo nella musica folk tradizionale, ma anche scrivendo inediti in dialetto divenuti ormai popolarissimi.

CAMPANIA – ‘Quanno figlieto chiagne e vò cantà cerca int’à sacca …e dalle ‘a libertà’. E’ riconosciuto come il lavoro artisticamente più importante tra gli album di musica napoletana moderna. Inediti di Peppino Gagliardi interpretati ed arrangiati con maestria, rimasterizzati e per la prima volta su CD.