lunedì, Gennaio 18, 2021
Home Sport Il riscatto part time: l'Italbasket a Pianigiani

Il riscatto part time: l’Italbasket a Pianigiani

[oblo_image id=”1″] Capita a tanti di dover ricorrere al doppio lavoro per combattere la recessione. Ma c’è precariato e precariato. Quello di Simone Pianigiani è tutt’altro che una sofferenza: l’attuale tecnico del Montepaschi guiderà contemporaneamente la nazionale azzurra per i prossimi due anni. Una vera e propria rivoluzione che è costata dibattiti interni e profonde riflessioni in seno alla federazione. Il motivo del contendere non è costituito dai meriti del tecnico – documentati da un curriculum esemplare – ma sull’opportunità di affittare part time la panchina dell’Italia. Lo stesso presidente Dino Meneghin ha ammesso di aver cambiato idea sul nome del successore di Charlie Recalcati, dimessosi il 21 Novembre. Una scelta coraggiosa avallata dai giocatori più rappresentativi, in particolare le stelle presenti nell’Nba, e che ha precedenti incoraggianti. Come quello di Scariolo, alla guida del Kimkhi e della Spagna vincitrice degli ultimi Europei. Pianigiani si è dichiarato entusiasta di intraprendere questa nuova avventura anche se ha confidato di dover sistemare alcuni tasselli per ricomporre il puzzle. Le vere perplessità, tuttavia, non riguardano la professionalità del tecnico; sarà, invece, fondamentale valutare la reazione dell’ambiente reduce da fallimenti in serie che dovrà mostrare maturità ed intelligenenza per accogliere un tecnico impegnato durante la stagione con una squadra di club. Intanto, in bocca al lupo a Simone Pianigiani e al nostro basket: se sapranno aiutarsi potranno andare lontano.

Previous articleStand up the new revolution, CeCe Rogers al Nuovo
Next articleScoperta”: 50 opere di artisti pugliesi e non a BariScoperta_cinquanta_opere_di_diversi_artisti_pugliesi_e_non_in_mostra_a_Bari01 _erased=0&_num=1&_order=1&align=left&caption=&extension=jpg&filename=Scolastica.jpg&hasThumbnail=1&height=95&isImage=1&linkTo=&linkUrl=&openLinkInNewWindow=0&pathFromUploadDir=2%2FScolastica.jpg&thumbnailFilename=Scolastica_thumb.jpg&thumbnailHeight=95&thumbnailPathFromUploadDir=2%2FScolastica_thumb.jpg&thumbnailWidth=95&title=Scolastica.jpg&useThumbnail=0&width=95&wrapText=1sabinopisani@tiscali.it 319612613320619612614890171visible01261418211***image1*** In Spagna, dove il fair play è ancora un valore, il titolo più azzeccato per celebrare l’ennesimo trionfo del Barcellona, è arrivato dai rivali storici. Il quotidiano Marca, vicinissimo al Real Madrid, ha sintetizzato con un fulminante “Campeones de todo” (”Campioni di tutto”). Perchè quello che è stato fatto nel 2009 dai catalani non ha precedenti. Il Mondiale per club strappato in una drammatica finale agli argentini dell’Estudiante, è il sesto gioiello negli ultimi 6 mesi dopo la Coppa del Re, la Liga, la Supercoppa di Spagna, La Supercoppa Europea e la Champions League. Un en plein da favola plasmato da un condottiero silenzioso e carismatico come Joseph Guardiola: l’unico allenatore a non conoscere la sconfitta avendo vinto tutte le competizioni a cui ha partecipato.  Un romanzo che si arricchisce voluttosuamente grazie ai ghirigori del miglior giocatore del pianeta – quel Lionel Messi, autore del golden gol di petto -, alla forza d’urto di Ibrahimovic, alle geometrie di due fuoriclasse silenziosi come Xavi e Iniesta, alla grinta di capitan Pujol e all’inesauribile qualità di un vivaio che continua a sfornare talenti come Pedro, a segno sia contro l’Atlate che contro l’Estudiantes. Agli argentini rimane la soddisfazione di aver fatto tremare gli avversari difendendo strenuamente la rete di Boselli sino a due minuti dal termine. Hanno fatto aleggiare gli spettri della maledizione dei blaugrana: i due precedenti assalti  intercontinentali erano falliti lasciando un retrogusto amarissimo. Ma gli Dei del pallone non potevano macchiare il magico 2009 del Barcellona con una beffa nell’atto conclusivo. E così l’ultima immagine è quella di un Guardiola commosso issato in trionfo da tutta la squadra. Campeones de todo: un record che non potrà mai essere battuto. C’è bisogno d’aggiungere altro?Roberto D’Ingiullo1 _erased=0&_num=1&_order=1&align=left&caption=&extension=jpg&filename=messi_1.jpg&hasThumbnail=1&height=351&isImage=1&linkTo=&linkUrl=&openLinkInNewWindow=&pathFromUploadDir=2%2Fmessi_1.jpg&thumbnailFilename=messi_1_thumb.jpg&thumbnailHeight=200&thumbnailPathFromUploadDir=2%2Fmessi_1_thumb.jpg&thumbnailWidth=144&title=messi_1.jpg&useThumbnail=1&width=252&wrapText=123Con il successo nel mondiale per club, si chiude l’insuperabile 2009 del Barcellona di Pep Guardiola e del Pallone d’Oro Messi, capace di conquistare 6 titoli in 6 mesi.Campioni di tutto: il magico 2009 del BarcellonaCampioni_di_tutto_il_magico_2009_del_Barcellona01 _erased=0&_num=1&_order=1&align=left&caption=&extension=jpg&filename=pedro.jpg&hasThumbnail=1&height=95&isImage=1&linkTo=&linkUrl=&openLinkInNewWindow=0&pathFromUploadDir=2%2Fpedro.jpg&thumbnailFilename=pedro_thumb.jpg&thumbnailHeight=95&thumbnailPathFromUploadDir=2%2Fpedro_thumb.jpg&thumbnailWidth=95&title=pedro.jpg&useThumbnail=0&width=95&wrapText=1robydin81@yahoo.it 3197126143744318112614725541visible01261435203

***image1***Amedeo Ariano alla batteria, Dario Rosciglione al basso, Daniele Scannapieco al sax tenore, Claudio Filippini al pianoforte, accompagneranno Nick The Nightfly, in quello che si annuncia già un evento imperdibile per gli amanti della musica jazz, di scena al Ueffilo Jazz Club di Gioia del Colle (BA) in collaborazione con Jazzitalia. Lunedì 28 dicembre primo set alle ore 19:30, secondo set alle ore 21:30 di una delle voci radiofoniche più conosciute in assoluto. Nick The Nightfly conduce infatti, da oltre 20 anni, Monte Carlo Nights il primo programma radiofonico di nuove musiche e tendenze. Scozzese di nascita, vive in Italia dal 1982 ed ha pubblicato alcuni singoli fino ad arrivare al suo ultimo bellissimo cd DONT FORGET. Ha creato diverse compilation, la sua ultima selezione “BUENA VIDA”, già si attesta ai vertici delle charts di mezza Europa. Mentre nel 2010 è atteso il suo lavoro discografico di inediti: Nice One.

Nick The Nughtfly ha suonato e cantato insieme a Giorgia, Carmen Consoli, Terence Trent DArnby, Edoardo Bennato, David Knopfler, Dulce Pontes, Solis String Quartet, Tommy Emanuell, Ron, Feel Good Productions, Trilok Gurtu, Cousteau, US3, Ludovico Einaudi, Sarah Jane Morris, Massimo Moriconi, Saturnino, Doctor Tre. Vera perla per Nick, suonare una sua canzone insieme al grande Pat Metheny in diretta a Capital Nightfly. E’ il direttore artistico del Blue Note di Milano.

Food and Music: 25 euro

Info e prevendite:
Il Ueffilo – Cantina a Sud – Gioia del Colle(Ba) – Via Donato Boscia 21
Tel: 339/8613434 – 080/3430946

Centro Musica: 080/5211777

web:
www.ueffilo.cominfo@ueffilo.com

Most Popular

Recent Comments