Il meglio dell’arte polacca in mostra a Roma

0
5

E’ stata inaugurata presso l’Istituto Polacco di Roma di Palazzo Blumenstihl la mostra “Bunker d’arte”, collezione della Galleria d’arte Contemporanea Bunker Sztuki di Cracovia, curata da Beata Nowacka-Kardzis e Ania Jagiello. La mostra rientra nel progetto Transfert Gallerie Polacche a Roma volto a promuovere in Italia la ricca arte polacca attraverso sei mostre allestite a Palazzo Blumeshil e a via dei Prefetti. Transfert si dedica alla produzione di eventi, pubblicazione di riviste d’arte, sviluppo di programmi di residenza d’artista, conferenze, convegni, dibattiti, concerti, proiezioni filmiche.

[oblo_image id=”1″]La Galleria Bunker è il centro culturale e artistico polacco, specie dagli anno 90 in poi e l’esportazione in Italia rappresenta il primo passo fuori dalla nazione. I lavori presentati appartengono a 16 artisti divisi per fasce d’ età: Jozef Robakowski, uno dei primi a cimentarsi nella videoarte in Polonia, Krzysztof Wodiczko, noto per le sue proiezioni pubbliche realizzate in tutto il mondo, e Marek Sobczyk, tra i fondatori del Gruppa, i “nuovi selvaggi” della pittura polacca. La generazione di mezzo è rappresentata Lukasz Skapski, il cui lavoro unisce concettualismo ed estetica minimalista, Marta Deskur e Katarzyna Gorna,la fotografia e il video, Jadwiga Sawicka, autore di quadri freddi, Piotr Lutynski, pittore sensuale e Wael Shawky, creatore di installazioni e film. La scena artistica recente ha posto alla ribalta personalità quali Oskar Dawicki, performer,autore di film e installazioni, Wilhelm Sasnal, Rafał Bujnowski e Marcin Maciejowski: un tempo lavoravano nel Grupa Ładnie, ora, singolarmente, ottengono riconoscimenti e lodi internazionali. Tra le giovani “scoperte”Janek Simon, Karolina Kowalska e Malgorzata Markiewicz.

Per info
tel 06.36000723
segreteria@istitutopolacco.it
www.istitutopolacco.it
lunedì – venerdì, ore 14.00 – 18.00 chiuso sabatoefestivi
ingresso libero