Gian Franco Padovani: omaggio alla Corte

0
9

[oblo_image id=”1″]Si inaugura il 24 novembre alle 17,30nel foyer del Teatro della Corte la mostra in omaggio a “Gian Franco Padovani scenografo e costumista”. Tra il 1963 (I due gemelli veneziani) e il 1985 (Retrò), Gian Franco Padovani ha firmato le scene (e sovente anche i costumi) di quarantacinque spettacoli prodotti dal Teatro Stabile di Genova.

Per molti anni, Padovani è stato infatti lo scenografo di riferimento degli allestimenti realizzati da Luigi Squarzina, contrassegnando con la sua creatività visiva gli spettacoli del “teatro documento” (Il processo di Savona, Cinque giorni al porto, 8 settembre, Rosa Luxemburg) e quelli tratti da opere letterarie (La coscienza di Zeno, Il fu Mattia Pascal), ma anche la stagione brechtiana (Madre Courage e i suoi figli, Il cerchio di gesso del Caucaso) e quella goldoniana (oltre I due gemelli, anche Una delle ultime sere di carnovale, I rusteghi, La casa nova); proseguendo poi più sporadicamente negli anni seguenti, nel corso dei quali ha comunque realizzato altri spettacoli significativi, quale Al pappagallo verde e La contessina Mizzi per la regia di Luca Ronconi.

Una lunga carriera, quella di Gian Franco Padovani (nato a Venezia nel 1928), che si dipana fin dai primi anni Cinquanta e che lo ha visto protago­nista nei maggiori e più prestigiosi teatri italiani così come in importanti produzioni televisive.

Studente all’Accademia di Belle Arti di Brera comincia a lavorare con il regista Fanta­sio Piccoli e il suo “Carrozzone”; poi, dopo le significative collaborazioni con i Teatri Stabili di Bolzano e Trieste, nel 1962 arriva l’incontro determinante con Luigi Squarzina, regista men­tore ed amico (con cui, dice Padovani, «abbiamo da subito e sempre condiviso uno stesso linguaggio»), e per suo tramite l’approdo allo Stabile di Genova che si concreterà in un lungo sodalizio artistico durato circa vent’anni.

La mostra voluta dal comune di Cortona è curata da Eleonora Sandrelli e viene ora riallestita nel foyer del Teatro della Corte, dove rimarrà dal 24 novembre al 20 dicembre.

La Mostra si propone di offrire un percorso attraverso bozzetti, figurini, costumi relativi a spettacoli particolarmente significativi al cui allestimento Gian Franco Padovani ha partecipato. Vengono presentati quindi alcuni allestimenti scenografici realizzati con e per il Teatro Stabile di Genova nel periodo 1963-1985, alcune soluzioni scenografiche per l’opera lirica del Teatro Carlo Felice di Genova tra il 1975 e il 2007 e alcune foto di scena e bozzetti di sceneggiati per la televisione.

L’ingresso è libero.