Fontana e Molon: dal vicentino due voci nuove

0
4

Tempo di novità per la “Risonanze” di Claudio Corradini, arrangiatore e produttore di successo per artisti del calibro di Mango, Scialpi, Rettore e più recentemente Luciferme, e Bocelli, nonché fondatore del progetto Gloria Mundi, per il quale scrive e arrangia tutte le composizioni, e prezioso collaboratore del maestro Giusto Pio.

La sua etichetta si appresta a lanciare, proprio in quesdti giorni, due album d’esordio per due artisti emergenti: Cinzia Fontana ed il conterraneo vicentino Edoardo Molon.

[oblo_image id=”1″]Per galanteria iniziamo da Cinzia Fontana che è approda in radio con il suo primo singolo intitolato “Caparbia” tratto dall’album “Fotosintesi”. Per questa sua prima uscita ha avuto padrini importanti: dal Maestro Giusto Pio a Franco Battiato. A giorni è previsto il lancio anche del video che, per non smentirsi, vede la partecipazione di altri due mostri sacri della musica leggera italiana: Paolo Belli, protagonista dell’intro ed i Righeira ancor più presenti in questa prima volta da “grande”.

Ma Cinzia non è una novizia. Inizia infatti a cantare fin da piccola; l’esigenza di esprimersi è andata crescendo finché inizia a studiare seriamente canto all’età di 14 anni e da li parte il suo percorso musicale fatto di live nei pianobar e collaborazione pluriennale come corista con un importante studio di registrazione.

Partecipa a diversi concorsi nazionali, ottenendo sempre ottimi risultati e buone critiche giornalistiche. Tutto questo continua fino all’incontro con Claudio Corradini che, talent scout rinomato, è alla ricerca di una voce particolare per realizzare un demo di una canzone destinata a Mina. Siamo nel 2003 e de qui nasce il suo vero progetto artistico.

[oblo_image id=”2″]L’altra novità discografica firmata “Risonanze” è Edoardo Molon, anch’egli vicentino come Cinzia. Edoardo muove i suoi primi passi nel mondo della musica negli anni 90 affrontando, nella sua eclettica visione delle cose, prima lo studio della chitarra poi quello della batteria e, dulcis in fundo, del basso. Nel contempo matura la voglia di scrivere e cantare le sue canzoni dando sfoggio della sua bravura con comuni esperienze (cover band o band originali) nei vari locali del nord est italiano. Ma Edo è un perfezionista e completa il suo percorso musicale arrangiando da se i suoi pezzi. La svolta arriva nel 2006 con l’incontro con Claudio Corradini al quale propone l’ascolto di un suo demo… e grazie a questo e ad un positivo feeling tra loro, si decide di iniziare a lavorare sulla base di quelle promettenti idee.

Oggi il risultato porta il titolo del suo primo lavoro discografico: “Aprile” il cui singolo, “Due millimetri” è onair in tutte le radio della penisola in attesa, anche in questo caso, del lancio del video.

Entrambi i singoli sono in promozione e si possono ascoltare su moltissime radio italiane.