FolkStone: folk e musica medievale rivivono insieme

0
6

[oblo_image id=”1″] Il tour musicale di quest’ oggi ci conduce a Bergamo e ci propone una particolare e complessa band, formata da bravissimi musicisti, che grazie alla loro passione sono riusciti a portare la musica folk e medievale, con testi in italiano, nel rock e nel metal, loro sono i FolkStone.
Questo progetto prende forma tra il 2004 e il 2005, con l’ intento di riportare in vita antiche sonorità ormai sopraffatte dal sound e dagli strumenti moderni, e riproporle in versione Medieval Rock, infatti nel primo anno la band cerca un’ intesa, ispirandosi alla scena Folk d’oltralpe, pur rimanendo ancorati ad una strumentazione elettrica tradizionale, ma ben presto baghét, cornamuse medievali e bombarde, fanno la loro comparsa, dando così un’ impronta decisiva e una propria personalità Folk a questa band.La formazione inizialmente era composta da Lore alla voce, dal chitarrista Angelino, dal bassista Ferro e dal batterista Fore, il primo piper Teo, seguito da Roby e infine Andreas alle percussioni e cornamuse. Nel 2007 i FolkStone stampano il loro primo demo intitolato ‘ Briganti Di Montagna ’, e stimolati dal notevole consenso ottenuto, decidono di scrivere l’ omonimo Full-lenght di debutto.Nel frattempo alla line-up si aggiunge Becky, la quale introduce nuove sonorità con l’ Arpa Celtica, uno strumento a dir poco complesso, ma nello stesso momento Angelino lascia la band, ed entra alle chitarre Ghera. L’ uscita del disco di debutto, nel 2008, è accompagnata da un’ intensa tournée , che vede i FolkStone protagonisti sia in Italia che all’ estero, dove l’ Heavy metal, cornamuse e giochi di fuoco illuminano le folle, in festival come il Wave Gothic Treffen, l’ Hoernefest e il Medieval Fest in Germania, il Cernunnos in Francia, il Sauzipf Rock Festival in Austria e la Fiesta Pagana in Svizzera.Nel 2009 un ulteriore cambio di formazione, infatti il chitarrista Ghera lascia la band e al suo posto entra Luca.A questo punto i FolkStone si ritirano per comporre e registrare il loro secondo album, che tra l’ altro vanta di alcune interessanti collaborazioni, tra cui quella del fonico e produttore artistico Yonatan Rukhman.Durante la stesura dell’ album, Becky lascia la formazione e subentra un’ altra bravissima musicista, Clara, e si apre così per la band, un nuovo e ricco anno, con una nuova formazione, che vede nel marzo 2010 l’ uscita ufficiale del secondo lavoro targato FolkStone, intitolato ‘Damnati Ad Metalla’, che definirei una produzione come poche, che conduce l’ ascoltatore in un viaggio nel passato, con sonorità particolari, complicate e inusuali, davvero coinvolgente ricco di potenza e storia, riuscendo ad adattare alla perfezione i testi in italiano a strumentazioni molto impegnative, questo si denota dalle ottime recensioni e dal successo dei loro indimenticabili live. Già dalle prime date del nuovo tour, si aggiunge ad arricchire la sezione acustica l’ eclettico polistrumentista e compositore, Maurizio, che in seguito all’ uscita del chitarrista Luca, imbraccerà la chitarra fino alla fine del tour Damnati Ad Metalla 2010. Un altro anno decisamente prolifico, che vede i FolkStone impegnati in una fervidissima attività live, con la partecipazione ad importanti festival in ambito nazionale, quali il Rock In Somma a Varese, al Fosch Fest , di cui sono anche i promotori, all’ Ambria Music Festival a Bergamo, nonché in importanti live club italiani tra cui anche la nota Rock ‘n ‘ Roll Arena Festival a Romagnano Sesia. In campo internazionale li vediamo fiancheggiare band di grande importanza come Arkona, Nargaroth, In Extremo e tante altre. Un’ intensa e appagante tournèe, che oltre ad essere un tuffo nel passato, vede la presentazione del ri arrangiamento di Vortici Scuri, ma questa volta, in versione acustica, riproposta col dolce suono dell’ arpa, del fascinoso low whistle e dall’ antica ghironda e la band decide anche di registrare il brano e renderlo scaricabile gratuitamente via web.Ulteriori cambi di formazione coinvolgono la band,con l’ uscita del primo batterista Fore, sostituito da Edoardo Sala,e alla fine del tour lascia la line-up anche lo storico bassista Davide Ferro, i quali vengono sostituiti dai due turnisti che accompagneranno la band per l’ intera tournée 2011, e sono il massiccio Federico Maffei al basso, e il virtuoso Walter Franchi alle sei corde, mentre il poliedrico Maurizio, ritorna ai suoi strumenti a fiato e a corde tradizionali.Attualmente i FolkStone stanno lavorando alla raccolta dei brani acustici originali e tradizionali riarrangiati da loro, i quali vengono proposti in sede live durante le date in formazione acustica, stanno inoltre continuando a lavorare al prossimo cd, del quale stanno già portando ai concerti due dei nuovi brani e la cover di ‘ C’è Un Re’ dei grandissimi Nomadi.Voglio segnalare la loro prossima partecipazione al Fosch Fest, giunto quest’ anno alla terza edizione, ed è organizzato dai FolkStone stessi, in collaborazione con l’ ArenaSound Festival, affermatosi come tra i più grandi festival Folk Rock/Metal in Italia.Una band da ascoltare e da vedere, coinvolgenti e particolari, promotori di un sound che li contraddistingue, tra le migliori band attuali, del genere.

[oblo_image id=”2″] Contatti: www.folkstone.it

www.facebook.com/folkstone

www.myspace.com/officialfolkstone