Critiche al Regno dal blog. Capodanno in galera.

0
4

Un blogger saudita é in stato di detenzione dopo aver criticato attraverso le pagine del suo blog l´estremismo imperante del suo paese. Il 10 dicembre Ahmed al-Farhan, 32 anni, é stato arrestato e il suo blog é stato oscurato da un banner censorio.
In una mail spedita agli amici poco prima del suo arresto, al-Fahran ha scritto che il ministero degli interni stava indagando su di lui e che entro due settimane prevedeva un suo possibile arresto. Nella sua visione peggiore prevedeva una detenzione di tre giorni ma la realtÿa1 ha superato il suo pessimismo, visto che è in carcere da oltre venti giorni.

La tagline incriminata dal blog di Al-Farhan promuove “la ricerca della libertÿa1, della dignitÿa1, della giustizia, dell´uguaglianza e di tutti quei valori islamici assenti”, questo é quanto riportato dal sit Arabic Network for Human Rights Information.

Recentemente il blogger saudita aveva criticato alcune personalitÿa1 vicine alla famiglia reale, questo potrebbe spiegare línasprimento della repressione nei suoi confronti.
Il regno Saudita non é nuovo a questi casi, nel 2006 a incappare nella censura, fu il giornalista Rabah al-Quwai’, arrestato per 13 giorni e liberato solo dopo una promessa di redenzione e futura difesa dei valori islamici. L´asociazione Reporters Without Borders, favorevole allímmediato rilascio di al-Farhan, ha provveduto alla diffusione di un documento chiamato I 13 nemici di internet dove e´inclusa anche l´Arabia Saudita.