Chiòve… al Nuovo Teatro Nuovo di Napoli

0
5

Da venerdì 26 dicembre 2008 alle ore 21.00 (in replica fino al 4 gennaio) fa il suo debutto nella stagione teatrale del Nuovo Teatro Nuovo di Napoli, dove fu accolto con successo alla sua anteprima nazionale, nel Prologo del Napoli Teatro Festival Italia, lo spettacolo Chiòve di Pau Mirò, nella traduzione di Enrico Ianniello, spazio e regia di Francesco Saponaro.

L’allestimento, insignito con il premio “teatro di ricerca – spettacolo rivelazione”dell’Associazione Nazionale dei Critici di Teatro 2008, si avvale delle scene a cura di Roberto Crea, i costumi di Roberta Nicodemo, il suono di Daghi Rondanini, le luci di Lucio Sabatini.

[oblo_image id=”1″]Chiòve è il titolo partenopeo attribuito a Plou a Barcelona, un testo del giovane autore/rivelazione catalano Pau Mirò, che la traduzione di Enrico Ianniello ha trasferito dalle Ramblas di Barcellona ai Quartieri Spagnoli di Napoli, adottando il napoletano come lingua di vita, con il suo bagaglio gergale istintivo e verace, per esaltare i caratteri di questi personaggi e le loro intime relazioni. L’intreccio di passioni dei tre protagonisti viene “spostato” in un interno iperrealista: un piccolo appartamento situato all’ultimo piano di uno stabile fatiscente, tra libri, cocaina e Baci Perugina.

La vita della prostituta Lali (Chiara Baffi) e del protettore Carlo (Giovanni Ludeno e Carmine Paternoster) è solo sfiorata dalla civilizzazione di cui raccolgono le scorie, i modelli esterni e deteriori: dal cibo spazzatura dei fast food, alla droga, alla musica da bancarella. Le brame d’amore, i sogni di rivalsa sociale di Lali e la sua massima ambizione, sembrare normale, consumati dalla logorante convivenza con Carlo si ravvivano durante gli incontri mercenari con Davide (Enrico Ianniello).

Ma la cultura e i libri, i versi dei poeti, gli aforismi dei filosofi, i quadri dei grandi musei, non si elevano oltre un meteorico vagheggiamento a margine di un rapporto mercenario e circoscritto alla lettura di un involucro di cioccolatino, nella poesia epigrafica dei Baci Perugina.

Prodotto da Teatri Uniti, Teatro Festival Italia, O.T.C. SempreApertoTeatro Garibaldi e Dogma Televisivo lo spettacolo, proprio in occasione della sua anteprima, è stato protagonista di un singolare esperimento che ha consentito, contemporaneamente alla messa in scena teatrale, la realizzazione di un lungometraggio.

[oblo_image id=”2″]Allestito, filmato e trasmesso in tempo reale, da un appartamento/set dei Quartieri Spagnoli di Napoli, Chiòve è stato ripreso in diretta e proiettato contemporaneamente su grande schermo in varie sale di Napoli, Barcellona, Roma, Cosenza, trasmesso in internet e diffuso sul satellite da Nessuno Tv realizzando un dialogo serrato, mai tentato prima, fra teatro, cinema, televisione e web.

Dopo la tappa partenopea Chiòve sarà ospite, dal 5 al 7 febbraio 2009, del Festival Le Standard Idéal a Parigi/Bobigny, per proseguire al Teatro India di Roma, dove sarà in scena dal 4 al 14 giugno 2009. Il regista Francesco Saponaro, inoltre, allestirà, dal 22 gennaio all’8 marzo 2009, al teatro Valle-Inclan di Madrid, la prima versione in lingua spagnola del testo, Llueve in Barcelona, di cui saranno protagonisti tre autorevoli attori di estrazione cinematografica come Maria Valverde, Toni Cantò e Victor Clavijo.

Chiòve, di Pau Mirò, traduzione di Enrico Ianniello
Napoli, Nuovo Teatro Nuovo – dal 26 dicembre ’08 al 4 gennaio ‘09
Info e prenotazioni al numero 0814976267 email botteghino@nuovoteatronuovo.it
Inizio delle rappresentazioni ore 21.00 (feriali) ore 18.00 (festivi)