Calico, il caffè dei gatti. Per chi vorrebbe ma non può.

0
6

[oblo_image id=”1″]“Calico” è uno degli ultimi tre caffè aperti quest’anno nel distretto di Tokyo ma rispetto agli altri due presenta una peculiare caratteristica, qui infatti i visitatori possono gustare una tazza di the caldo in compagnia dei veri protagonisti del locale: quattordici gatti.

L’idea è stata di Takafumi Fukui, ex dipendente di un canale televisivo, che ha mollato tutto e si è “aperto” il lavoro della sua vita.. “A Tokio non è così facile possedere gatti” dice riferendosi alle restrizioni legali giapponesi riguardanti il possesso di animali. Il governo giapponese applica una rigida politica di controllo sugli animali domestici che devono non solo essere vaccinati ma anche censiti grazie all’innesto di un microchip; tutto ciò fa sì che la procedura di affidamento sia burocraticamente lunga e antieconomica.

Gli avventori pagano 800 yen all’ora (l’offerta speciale è di 2000 yen per tre ore).
Quattordici gatti di razza e tirati a lucido deliziano la clientela mentre legge, mangia e consuma. Per giocare coi gatti prima ci si deve sottoporre ad un trattamento igienico ma, nonostante questo, la media dei clienti è di 70 al giorno, che arrivano a 150 nei week-end.

Altro encomiabile servizio offerto da questo singolare caffè è la bacheca dove compaiono le foto di gatti in cerca di padrone. L’abbandono di animali domestici in Giappone è un problema, considerando che ogni anno vengono abbandonati 240000 gatti e 160000 cani.

I gatti di “Calico”, almeno loro, possono dunque considerarsi fortunati.