A Milano è ancora Festival sul Palcoscenico

0
5

[oblo_image id=”3″] Dopo il successo dello scorso anno, al via i preparativi di Festival sul Palcoscenico. Parliamo di una kermesse teatrale organizzata dal Teatro della Luna di Milano, dal 13 al 23 maggio, con il patrocinio del Comune. L’evento quest’anno ha le donne quali protagoniste, e sul palco del teatro meneghino si alterneranno rappresentazioni che sono state in cartellone durante questa stagione, mentre altre saranno in prima nazionale.

Cinque il numero degli spettacoli proposti, ovvero Stabat Mater, Nina – Un soggetto per un breve racconto, Inseparabili, Label e Un giorno torneranno. Il festival inizierà il 13 e il 14 maggio con Stabat Mater di Antonio Tarantino e con Simona Colombo che cura anche la regia. Si tratta di un monologo che ha quale protagonista una madre che aspetta un figlio che forse non rivedrà mai piu’.

La madre e’ Maria, una donna del popolo, che comunica nel suo dialetto e attraverso gestualità ed espressioni che sono sinonimo del degrado in cui si può vivere, ma che nascondono la dignità e l’amore di una madre che lotta tutti i giorni per la sopravvivenza e il bene della sua famiglia. Si proseguirà poi il 15 e il 16 con un’altra storia tutta al femminile, ovvero Nina, di Rossella Rapisarda e Fabrizio Visconti con sul palco Rossella Rapisarda e per la regia di Visconti.

Il monologo è liberamente ispirato a “Il Gabbiano” di Cechov. Protagonisti Nina e un ombra, un fantasma, anche se il fantasma risulta essere più vero di un interlocutore in carne e ossa. Nina, tra i personaggi piu’ intensi di Checov, è un’attrice che deve prendere un treno. Il treno diventa metafora di scelte difficili da fare, di bivi di fronte a cui spesso la vita ci pone, di destinazioni nuove ma necessarie. Sarà poi la volta di Inseparabili di e per la regia di Brunella Andreoli, il 18 e il 19. La rappresentazione, recitata, oltre che da Brunella Andreoli, anche da Gaia Barbieri e Rossella Guidotti, si ispira alla vita della grande pittrice Frida Kahlo, donna dalla personalità forte e indomabile.

Si tratta di una prima nazionale che prende spunto dalla vita di una donna determinata per parlare di forza e di coraggio. Il festival continuerà il 20 e il 21 con Label (questioni di etichetta) e terminerà il 22 e 23 con Un giorno torneranno. Label nasce da un’idea di David Marchiori, mentre il testo è la regia sono di Massimo Donati e Alessandra Nocilla, l’interpretazione è di Claudia Facchini. Si ritorna al monologo e in questo caso lo spettacolo e’ un esempio di teatro sociale. Ia pièce ironizza e “drammatizza” gli aspetti nascosti della grande distribuzione. Parliamo di uno spettacolo che denuncia e fa riflettere sul finto aspetto rassicurante dei supermercati di fiducia. Un giorno tornerano di Silvia Pernarella e Dario Merlini, che vede alla regia e sul palco Silvia Pernarella, chiuderà la kermesse.

E’ un sceneggiatura tratta da “La casa degli Spiriti” di Isabel Allende. Nello spettacolo si vuole indagare su come i legami del passato ci modifichino, lasciando dentro di noi una traccia indelebile. Rappresentazione presentata per la prima volta, prende spunto da una frase del capolavoro di Allende: “Ti guardo. E vedo in te tutte le donne che hai conosciuto”. Il festival porta quindi a teatro quello che le donne dicono e lo fa approfondendo la natura femminile, toccando molteplici aspetti essenziali quali l’amore, la determinazione, il dubbio, il coraggio e la paura.

Tutti gli spettacoli avranno inizio alle ore 21, i biglietti sono in vendita nel circuito TicketOne.

Informazioni: Teatro della Luna