Pubblicato il: 11 Novembre 2016

Smallfish , tutto un altro mo(n)do per i media dell’azienda

“Chi crede che sia impossibile non dovrebbe disturbare chi ce la sta facendo” sentenziava Albert Einstein osservando come spesso l’ostacolo all’innovazione sia la diffidenza di chi non sa guardare oltre. Per fortuna, c’è chi non demorde e mostra agli altri ciò che non erano in grado di vedere.

Pietro Gorgazzini, CEO di Smallfish.com , ha l’ambizione di rivoluzionare il mondo dei media e dei contenuti aziendali, ma la vera notizia è che lo sta già facendo.

Smallfish.com intercetta un bisogno del mercato e risolve un problema che si trascina da troppo tempo.

Pietro Gorgazzini

Pietro Gorgazzini

Le aziende hanno la necessità di realizzare video per promuoversi ma si scontrano con la lentezza di processi produttivi obsoleti e inadeguati. Insomma, le analisi ci dicono che i contenuti web saranno pressochè esclusivamente video ma in pochissimi hanno idea di come si possano confezionarli. Ed, ecco, l’idea di Smallfish.com: fornire alle imprese gli strumenti per costruire e pubblicare il filmato in meno di 100 ore grazie alle potenzialità del cloud. La vera “rivoluzione” sta nel non sostituirsi all’azienda, ma nel fornirle un supporto immediato, concreto, vincente. Perché tutti possono fare un video, molti possono fare un video che raccolga un’orda di like, mentre nessuno aveva pensato a trovare un metodo globale che desse risposte replicabili e scalabili.
I risultati? Beh, basta leggere i nomi di chi ha voluto puntare su Smallfish.com dando un calcio (metaforico ma non troppo…) a tutte le lungaggini delle procedure standard per proiettarsi nel futuro passando dal presente: Tuborg, Skoda, Illy, Microsoft, solo per citarne alcuni perché oltre 30 brand internazionali hanno aderito.

Luca Paracchini, COO di Smallfish.com

Luca Paracchini, COO di Smallfish.com

Ed è recente la partnership con Sony Music Entertainment con cui i video dei cantanti più importanti della Major verranno proposti attraverso Smallfish.com . Insomma, la creatività sa essere contagiosa e un’idea brillante diviene inevitabilmente il prologo a nuove folgoranti iniziative.
Al resto ci pensa la qualità perché anche la strategia più illuminante ha bisogno di un’attuazione all’altezza dell’idea che l’ha ispirata. E dato che se c’è, la qualità non si descrive ma si osserva, ecco uno degli esempi delle potenzialità del progetto Smallfish.com:

http://www.smallfish.com/#casestudies.1

Se si cerca una definizione per Smallfish.com , la più adatta potrebbe essere marketplace di format video in cui da un lato  si selezionano i migliori produttori di contenuto video e dall’altro si offrono produzioni attraverso uno strumento facile e immediato come il format che consente ai brand di testarne il potenziale.
Insomma, migliorare l’esperienza pubblicitaria per l’utente ma anche per l’azienda facendo capire come la risposta non sia pubblicare il canonico spot ogni anno ma diventare publisher. Perché che piaccia o no, la concezione classica dell’industria dei mezzi di comunicazione è stata già superata e fagocitata dai ritmi del mercato: innovare e rinnovare diventano l’unico modo per tenere il passo. E dare fiducia a chi sa guardare oltre impegnandosi a realizzare ciò che sembrava impossibile, non è mai un errore.

 

Condividi
Tags

Lascia un commento

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com